Xino.jpg

21 voti favorevoli, 9 contrari, un voto nullo, un'elettrice non si è recata al seggio: passa così il “mini-referendum” con il quale gli abitanti di Xino hanno deciso che la propria frazione passerà dal Comune di Riva di Solto al Comune di Fonteno

Fino a un anno fa, per una consuetudine riconosciuta anche negli atti notarili, sui documenti degli “Xinesi” risultava la residenza a Fonteno. Un’anomalia che le due amministrazioni comunali hanno deciso di sanare per evitare noie burocratiche e possibili accertamenti tributari da parte della Corte dei Conti. Così, all’inizio del 2017, era iniziato l’iter sfociato nel referendum indetto dai due comuni anche se vi era stato il passaggio formale della residenza anagrafica, indispensabile per poi giustificare la partecipazione al referendum. Le 40 persone che vivono nelle case di Xino, ma nel territorio di Riva, hanno spostato così la loro residenza in quest’ultimo Comune e così 32 di loro (cioè i maggiorenni e i cittadini italiani) avevano poi ricevuto una raccomandata con le istruzioni per poter votare al referendum di domenica 18 febbraio. Ora i Consigli comunali di Riva e di Fonteno recepiranno il risultato del referendum e poi trasmetteranno gli atti alla Regione Lombardia, comprese le delibere con cui i Comuni chiedono la modifica dei confini: sarà la Regione a ratificare quello che ieri hanno deciso gli abitanti di Xino.

0
0
0
s2smodern

meteo

eventi in agenda

Benvenuto turista

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
30
31