motovedetta carabinieri lago

Si è svolta nella mattinata di mercoledì 25 settembre una riunione presso la Prefettura di Bergamo, presieduta del Prefetto, Elisabetta Margiacchi, alla quale hanno partecipato diverse autorità

0
0
0
s2smodern

Carabinieri 3

Sono scattate le manette per un parcheggiatore abusivo, arrestato per tentata estorsione nel pomeriggio di ieri, venerdì 27 settembre a Sovere.

0
0
0
s2smodern

pesce siluro 2

Un'abbondante pesca che quasi ha dell'inverosimile. Nella notte tra sabato e domenica, l'esperto pescatore Pierluigi Belotti di Angolo Terme è riuscito - dopo un'ora e mezza di fatica - a far abboccare un pesce siluro di oltre 70 kg e lungo circa due metri e mezzo.

0
0
0
s2smodern

carabinieri 2

Tre stranieri irregolari a Sarnico sono stati scoperti dai Carabinieri durante un'attività di controllo del territorio: dovrebbero essere tutti rimpatriati entro pochi giorni. Sui tratta di due marocchnii ed un albanese.

0
0
0
s2smodern

Tilotta

Non ha ancora un nome ed un cognome il cadavere rinvenuto nella Ford Fiesta di Rosario Tilotta che è stata recuperata ad una profondità di ottanta metri, a Tavernola Bergamasca, nelle acque del lago d'Iseo.

0
0
0
s2smodern

 Tribunale BS particolare

L'avvocato Stefano Sartorato ha annunciato che lascia la difesa dei fratelli Sallaku dopo aver presentato una denuncia contro il PM Paolo Savio titolare dell’inchiesta, sollevando una questione di incompatibilità. E' accaduto nel corso dell’udienza preliminare con 28 indagati, tutti rinviati a giudizio per traffico di droga tra il Sebino e la Valle Camonica.

 

Il legale di Taulant e Saimir Sallaku, componenti della famiglia albanese radicata da anni sulle sponde bresciane del lago di Iseo e già al centro di altre vicende di cronaca giudiziaria, ha denunciato per abuso d’ufficio il pm, ma anche i Carabinieri della Compagnia di Breno e della Compagnia di Clusone, che avevano coordinato e condotto l’inchiesta “Camaleonte” della Dda di Brescia. Del caso dovrà ora occuparsi la Procura di Venezia, competente quando sono coinvolti magistrati del distretto bresciano. Gli episodi contestati risalgono al periodo tra il novembre del 2017 e il novembre del 2018, quando era emerso un gruppo criminale capace di muovere fino ad 80 chili di droga, cocaina in particolare. Proprio Saimir Sallaku era stato identificato come il capo, in grado di gestire la regia dell’intero traffico tra grossisti, acquirenti e corrieri. Al suo fianco, stando alle carte dell’inchiesta, il fratello Taulant e poi il 71enne di Pisogne Alessandro Giorgi e il figlio di quest’ultimo Denis che avrebbe condotto le trattative tra i fornitori all’ingrosso e gli acquirenti. Tra i coinvolti anche il trio albanese Agim Bejko, Enkeleid Bejko e Roland Tusha, marito, moglie e figlio, che avevano trasformato un appartamento di Osio Sotto in una raffineria della droga pronta da vendere. Ora la svolta impressa al procedimento dovuta alla decisa presa di posizione dell'avvocato Sartorato, con un atto protocollato ad agosto 2019. Le prossime mosse, dunque, spettano alla Procura di Venezia.

0
0
0
s2smodern

Il vasto spiazzo dell'area del mercatoo settimanale di Costa Volpino e tutta l'area limitrofa sono stati occupati dalle moto e dai servizi che domani daranno vita alla 5a Prova del Campionato Italiano Enduro.

0
0
0
s2smodern

BANNER DETTO FATTO

Calendario

logo buona salute