Cervo morto lago Endine.jpg

Due pescatori in barca sul lago di Endine avevano segnalato la presenza della carcassa di cervo maschio morto, con diverse ferite sul corpo. L’animale nel tardo pomeriggio di martedì, in prossimità della Cava Cantamessa, era stato investito da un’autovettura che transitava sulla SS42: l’auto aveva riportato notevoli danni ma fortunatamente solo un grande spavento per il guidatore mentre del cervo si erano perse le tracce sino a quando ne era stato segalato il corpo in acqua.

Avuta notizia dell’incidente il responsabile del settore della Commissione tecnica Ungulati cervo del «Comprensorio alpino Prealpi Bergamasche» aveva contattato il numero verde del corpo di polizia provinciale e quindi l'Ufficio regionale di Bergamo. Solo nella mattinata di vemerdì 19 aprile alcuni volontari, coordinati dalla Protezione civile di Endine Gaiano, sono riusciti a trascinare a riva l’animale e nel tardo pomeriggio la Polizia provinciale è intervenuta per recuperare la carcassa e consegnarla all’inceneritore. Tra gli intervenuti si sono registrati malumori per lo scarico di competenze in materia con le guardie provinciali, ridotte da 33 a soli 19 elementi. IO dati statistici denunciano che nel 1999 erano stati recuperati 150 animali di cui due cervi, nel 2015 invece gli animati recuperati erano saliti a 920 di cui 380 ungulati tra caprioli, cervi e cinghiali: il trend è in netto in aumento ogni anno tra il 15% e il 30%. Aumentano i casi in cui gli agenti devono intervenire, nonostante il loro numero si sia dimezzato: l'ultimo episodio, che ha richiesto ben 4 giorni per la decisione del recupero di un animale nel lago di Endine, è significativo di una situazione di grave difficoltà del settore.

0
0
0
s2smodern

bandi imprese

Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
3
6
7
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
29
30